home page  |   newsletter   |   guestbook   |  e-mail     
cerca film
info 0434.520 404
prenotazioni

0434.520 527 Cassa
tutti i giorni dalla mezz'ora prima del primo spettacolo

Cinemazero 2016
agosto
Cinemazero Cinema e scuola

mediateca pordenone

Le Voci dell'Inchiesta

Filmmakers

Scrivere di Cinema

 
www.tuckerfilm.com
 
   indice: home page / Cinemazeronotizie / cinemazeronotizie 2007 / 06 - giugno 2007
  Indietro Indietro | Stampa Stampa pagina
   
 
Regione di cinema...

Regione di cinema...

 

Superiore alle medie nazionali l’interesse per cinema in Friuli Venezia Giulia

   
 
Non è merito nostro chiaramente, ma in Friuli Venezia Giulia l’attenzione per il cinema da parte del pubblico è notevole rispetto alle regioni contermini. Nella nostra Regione ad esempio il pubblico ha speso nel 2005, per andare al cinema, oltre 14 milioni di euro per un totale di quasi 2.700.000 biglietti staccati. Mediamente i friulani quindi sono andati al cinema 2,2 volte l’anno per abitante. Se togliamo però dai circa 1.200.000 abitanti tutti quelli che non amano il cinema, i bambini, gli anziani e via discorrendo la media rischia di raggiungere e oltrepassare la mitica ed invidiata media americana di 5 biglietti l’anno per abitante. In Veneto siamo a 1,8 biglietti l’anno per abitante, in Trentino Alto Adige addirittura ad 1 biglietto l’anno per abitante. Sul fronte del costo per andare al cinema il Friuli Venezia Giulia si rivela ancora virtuoso con una media di E 5,27 ad ingresso rispetto al Veneto dove il costo medio sale a E 5,74 e al Trentino Alto Adige dove si arriva mediamente a E 5,89 per ingresso. Ma le eccellenze, come si usa dire oggi, non sono finite qui: per il cinema, la Regione Friuli Venezia Giulia è stata fra le prime in Italia a dotarsi di una legge regionale dedicata, legge che sta avendo un ruolo di riferimento e di faro per molte altre regioni. Votata nel novembre 2006 dal Consiglio Regionale, la legge si sta ora dotando, attraverso la Commissione regionale per il cinema e l’audiovisivo, di appositi regolamenti che permetteranno di garantire alle molteplici manifestazioni cinematografiche un adeguato spazio e inquadramento. Tra le novità più interessanti che la legge sul cinema contiene è quella dell’attivazione, attraverso appositi sostegni, di un circuito regionale del cinema di qualità, ovvero incentivare la circuitazione nelle diverse province di rassegne e manifestazioni; una maniera intelligente per uscire da campanilismi e piccoli orticelli, attivando sinergie e collaborazioni. Proprio quello del cinema è, infatti, il linguaggio universale per eccellenza e adoperarsi per il superamento di confini così esili ed effimeri, come quelli provinciali, è un dato estremamente positivo. Altro punto della legge sul cinema, molto invidiato dalle altre regioni, è quello della rete di Mediateche da attivare in Friuli Venezia Giulia per l’accesso, la diffusione, la promozione e la conservazione di opere e documenti audiovisivi da rendere disponibili per la visione, consultazione e studio a tutti i cittadini oltre che per lo sviluppo della didattica del linguaggio cinematografico nelle istituzioni scolastiche come previsto nella sperimentazione avviata a livello nazionale dal Ministero dell’Istruzione e dell’Università. Non è merito nostro chiaramente, ma l’utenza, che con la loro partecipazione sostiene e supporta le nostre iniziative, ha permesso a Cinemazero di essere, in termini giornalistici, “sulla notizia” ovvero di aver avviato da anni già una Mediateca aggiornata e tecnologicamente adeguata, che non solo mette a disposizione testi, video, dischi e documenti sul cinema, ma promuove iniziative culturali di approfondimento e una rete di attività didattiche nelle scuole di tutta la provincia e non solo. Così come, con gli amici del Cec di Udine, già da anni promuoviamo una rassegna circuitante dal significativo titolo Lo sguardo dei maestri dove, in ogni edizione, si scandaglia, attraverso la filmografia completa e in lingua originale, lo sguardo di un maestro del cinema che culmina in un convegno di studi internazionale con successiva pubblicazione degli atti. Tutte attività, le nostre, che incentivano il pubblico del Friuli Venezia Giulia a frequentare la sala cinematografica con medie superiori non solo alle regioni vicine (la Lombardia, ad esempio, ha una media di frequenza di 2,08 biglietti annui per abitante), a continuare a vivere la cultura in maniera collettiva, a scambiarsi idee ed emozioni. Attività che permettono anche alla nostra regione di avere uno dei costi medi di ingresso più bassi d’Italia (Lazio E 5,88 e Lombardia E 6,1). E qui forse è merito anche nostro!

di Andrea Crozzoli
   
  ^ inizio pagina
   
 
   
home page     |    Attivita' culturali     |    Cinemazeronotizie     |    Rassegna stampa    |    Eventi e news    |      e-mail
   
 

Cinemazero
Piazza Maestri del Lavoro, 3 - 33170 - PORDENONE (PN)
Tel. 0434 520404 - Fax 0434 522603 - E-mail: cinemazero@cinemazero.it
p.iva. 00233660935 - Privacy

  info 0434.520 404
  prenotazioni
0434.520 527 Cassa
tutti i giorni dalla mezz'ora prima del primo spettacolo

© 2003 - 2016 Cinemazero - Tutti i diritti riservati

   
 
Europa Cimemas Cineteca del Friuli www.tuckerfilm.com